Sicurezza, 40 giorni di silenzio. M5S Montecatini chiede risposte immediate alla mancanza di poliziotti.

2130411-983795_113536732188593_1012466882_nCirca un mese fa, allarmati dal grido d’aiuto del Sindacato di Polizia Coisp, abbiamo deciso di scrivere un comunicato con la speranza che l’Amministrazione si attivasse su un problema così urgente come quello dell’organico ormai ridotto all’osso del Commissariato di Polizia. I due comunicati del Coisp, usciti il 29 maggio e il 14 giugno ci fornivano un quadro inquietante della situazione. Si parlava infatti di una grave carenza sia di agenti che di ispettori nel Commissariato dal quale, negli ultimi 5 anni, se ne sono andati 4 agenti che non sono mai stati sostituiti. Inoltre, dai primi di settembre, altri due sovraintendenti capo lasceranno il commissariato per partecipare ad un corso di formazione in seguito al quale non faranno ritorno. A causa delle scelte ministeriali, per il medesimo concorso di ispettore, perderemo in ambito provinciale ben 7 poliziotti: 2 a Montecatini, 2 a Pescia e 3 a Pistoia.

Il Coisp inoltre criticava aspramente il “piano di rinforzi” del personale previsto dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza per le località turistiche nei mesi estivi, con il quale venivano inviati sul territorio solamente 2 agenti a cavallo con un ruolo di mera rappresentanza. Una vera e propria beffa.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Montecatini

A PIEVE A NIEVOLE ABUSARE E’ LECITO E PAGARE LE SANZIONI UNA CORTESIA?

Il Movimento 5 Stelle di Pieve a Nievole, riguardo la questione dell’abuso edilizio rilevato in via F.lli Cervi alla Società Cooperativa Via Nova, ribadisce la richiesta  all’Assessora Pinochi di prendersi le proprie responsabilità e, per rispetto della cittadinanza, rassegnare le dimissioni dal suo ruolo di amministratore pubblico. Così potrà dedicare più tempo e attenzione alla gestione e controllo della società cooperativa che presiede!

Il negare perfino l’evidenza deve essere materia di studio della famosa scuola politica del PD e l’Assessore Rossella Pinochi ne deve aver preso parte con successo.

Noi attivisti del Movimento 5 Stelle siamo rimasti allibiti dalle sue dichiarazioni, con le quali ha tentato di giustificare il palese e certificato abuso edilizio.  Sono altresì evidenti le sue responsabilità oggettive per il ruolo, che ricopre nella cooperativa proprietaria del fabbricato.

Dopo aver ammesso le colpe con un serafico “il fatto c’è”, ha inanellato una serie di argomentazioni che non seguono una logica e che tendono a scaricare le responsabilità su geometra e impresa esecutrice dei lavori nonché sugli uffici comunali.

L’Assessora dichiara che “a settembre la Cooperativa decise di fare una variante e a febbraio iniziarono i lavori”; quindi ammette di aver iniziato i lavori senza una autorizzazione valida a costruire approvata dal Comune.

L’Assessore  dichiara inoltre: “Comunque ho fatto fermare il cantiere e poi sono arrivati i 5 Stelle e l’ordinanza del Comune”. Dichiarazione del tutto impertinente con i reali fatti svolti. Agli atti depositati agli uffici tecnici comunali non risulta infatti nessuna sospensione dei lavori preventiva.  I lavori sono stati sospesi solo dopo la nostra prima richiesta di informazioni su un possibile abuso edilizio e per effetto della successiva ordinanza notificata dall’ufficio comunale di “Servizio gestione e assetto del territorio” a seguito del “verbale di sopralluogo e accertamento dell’11 marzo, redatto di concerto con la Polizia Municipale”.

Conclude dicendo che “comunque adesso è tutto in regola, ho pagato le sanzioni e gli oneri”; ci fa piacere se, come prevede la legge, sia stato tutto regolarizzato e siano state pagate le sanzioni del caso, che però sottolineano ancor di più come l’abuso edilizio fosse in atto.

Le giustificazioni dell’Assessorato Pinochi ci sembrano il classico caso in cui “la toppa è peggio del buco” ma tant’è,  aspettiamo le sue risposte nel Consiglio Comunale di giovedì 29.

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

SINDACO DI PIEVE A NIEVOLE MULTATO PER SOSTA SELVAGGIA IN ZTL

ZTL

Il Segretario Comunale di Pieve a Nievole ci apostrofa spesso, che il compito dei consiglieri di minoranza sia di vigilare, proporre ed eventualmente denunciare …Detto Fatto!

Abbiamo proposto tanto e non è stato recepito nulla; abbiamo denunciato, idem; ed abbiamo anche vigilato. Vigilando vigilando, anche con l’aiuto dei cittadini, abbiamo potuto constatare che la nostra sindaca parcheggia ripetutamente nella ZTL davanti al palazzo comunale senza autorizzazione, a dimostrazione della sua indifferenza al rispetto delle regole. Già mesi addietro l’avevamo colta in flagrante posteggiata nello spazio destinato ai disabili, ed una volta scoperta non ha nemmeno chiesto scusa. Lunedì scorso 12 giugno invece, dopo che per tante volte la sua vettura è stata notata, anche da vari dipendenti comunali, parcheggiata in sosta vietata nella ZTL, e che anche avvisando i vigili della polizia municipale, questi non erano mai stati disponibili ad intervenire, sempre impegnati in servizi diversi, abbiamo ritenuto doveroso interessare i carabinieri, che prontamente intervenuti, effettuate le operazioni di rito, hanno elevato la sanzione.

In tante occasioni, nei consigli comunali, la sindaca ha improvvisato lezioni di educazione civica e di correttezza ma a nostro modesto parere dovrebbe tornare sui banchi di scuola per imparare ancora qualcosa. Detto ciò vogliamo precisare che questa azione non vuole essere accanimento politico ma ricordare a chi è chiamato a far rispettare leggi e regole, che lui per primo è tenuto a dare l’esempio.

Ci auguriamo di aver così posto uno stop ad un antipatico abuso, che si protraeva da molto tempo. Se LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI, quando ad un cittadino necessita di parcheggiare davanti al Comune, ci sono gli uffici preposti che rilasciano o meno l’autorizzazione. Senza il permesso, nessuno può accedere alla ZTL. Nemmeno un dipendente comunale; tantomeno un sindaco arrogante!

In questi ultimi tre anni, che sono i primi del nostro mandato, abbiamo cercato di stare vicini ai cittadini, ascoltandoli e facendoci portavoce dei loro problemi. Purtroppo la nostra forza politica è oggi composta da pochi attivisti, che faticosamente portano avanti le molte istanze che i cittadini quasi quotidianamente ci segnalano.

Questa amministrazione dedica alla voce dei cittadini, che noi rappresentiamo, limitatissima considerazione. Non ci hanno mai coinvolti nelle decisioni importanti che riguardano il paese e quando si arriva ai consigli comunali è già stato tutto deciso. Si vota per alzata di mano ed essendo noi in minoranza non veniamo quasi mai ascoltati, come invece prevederebbe la corretta democrazia, e non una dittatura del tipo più volte espresso da questa giunta “abbiamo vinto e comandiamo”.

Con il nostro ottimismo pensiamo che presto il paese cambierà rotta, se non in questa legislatura almeno per la prossima. Chiediamo quindi di farsi avanti a tutti quei cittadini che desiderano l’onestà e il cambiamento e che hanno IDEE- SUGGERIMENTI – PROPOSTE – VOLONTA’ DI FARE.

Il nostro è un movimento di fatto e cammina verso il futuro.

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

Sicurezza, Montecatini perde 8 poliziotti in 5 anni; di chi è la colpa?

3d21c4c46852b97bee83137335891cCirca due mesi fa, in seguito all’incontro del Sindaco Bellandi con il Ministro Minniti sul tema della sicurezza, si apprendeva che il nuovo commissariato, oltre a mettere in condizione le forze di polizia di lavorare con la dignità che meritano, porterà più poliziotti e quindi più sicurezza sul nostro territorio.

Questo del commissariato è un progetto fondamentale per il nostro territorio ma tra quanti anni sarà pronto? Nel frattempo non sarebbe altrettanto importante difendere il lavoro degli uomini e delle donne del corpo di polizia?

Sembra infatti caduta nel nulla la vera e propria richiesta d’aiuto del COISP, Sindacato di Polizia dello scorso 28 Maggio. Con quel comunicato il Sindacato ci metteva al corrente che a partire dal mese di Settembre il commissariato di Montecatini ( cosi come quello di Pescia ) perderà due uomini e che questi non verranno sostituiti prima del 2020/2021 nonostante l’organico già precario.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Montecatini

Buggiano tariffa Tari: aumento ingiustificato! Il sindaco non informa correttamente i cittadini.

19198185_10207231091654289_356219269_nDopo la netta replica del sindaco, con la quale continua a negare o quantomeno a sminuire l’effettivo aumento della Tari, e dopo vari appelli dei cittadini che, con bollette alla mano, hanno lamentato anche cospicui aumenti, il consigliere Lotti di “Onestà e Trasparenza”e il consigliere Giovannini del Movimento 5 stelle presentano nuove e puntuali osservazioni e una nuova interrogazione. E’ stata fatta una attenta analisi dei dati sulla base delle tabelle ministeriali. Le ragioni portate dal Sindaco sugli aumenti sono errate, e le presunte 10€ a bolletta di aumento, appaiono fuffa a fronte di numero di utenze aumentate, e con un piano tariffario invariato rispetto al 2016. Infatti è vero si che sono diminuiti gli abitanti di 57 unità, ma nel contempo sono aumentate le utenze registrate.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Buggiano

Terme di Montecatini a pochi giorni dalla messa in liquidazione o dalla svendita: il Comune intervenga.

1616746_205087503014941_418610028_nSi avvicina il 31 maggio 2017, data in cui scade il lasso di tempo entro il quale investitori interessati possono manifestare interesse nell’acquisto di tutti il comprensorio Termale di Montecatini attraverso l’acquisizione di Società Terme di Montecatini Spa.

La messa in vendita di questi beni avviene senza un piano, senza una visione complessiva della destinazione che un potenziale acquirente potrà dare a tutto l’insieme di beni che caratterizza storicamente e culturalmente la nostra città.

E’ possibile acquistare tutto il comprensorio termale per una cifra target che di aggira intorno a 20 M Euro.

Ci saranno manifestazioni di interesse? La quota minima di offerta che, se non raggiunta porta alla liquidazione della società è di circa 8,7 M Euro.

Il Movimento 5 Stelle di Montecatini Terme presentò un piano pochi mesi fa, secondo il quale si proponeva che la Municipalità si facesse carico di traghettare Società Tarme di Montecatini Spa verso un futuro degno di questo nome e che permettesse a Montecatini Terme di riconquistare parte del valore perduto. Il valore di riferimento per tale investimento da noi immaginato si aggirava per il Comune intorno ai 10 M Euro per la porzione di quote in mano a Regione Toscana. Davanti a questa cifra i più hanno gridato allo scandalo credendola troppo bassa: la realtà sta superando la fantasia.

Come M5S riteniamo che la Municipalità di Montecatini Terme dovrebbe prepararsi a presentare essa stessa una manifestazione di interesse in modo che la “call” non vada deserta e/o al minor ribasso.

Il rischio infatti è che non avendo le Terme ricevuto alcuna manifestazione di interesse entro la fine di questo mese , la Società passi in stato di liquidazione e quindi ad una stima valoriale di meno di 8,7 M Euro, e quindi passare poi al fallimento.

Qualsiasi privato può avere interesse a mirare a far fallire la Società per poi comprarla ad un valore della minimo e magari senza debiti Si voleva arrivare a questo punto o ci siamo arrivati per carenza di visione da parte della Governance Pubblica? Difficile dirlo.

Per migliorare il risultato di bilancio 2016 della società il Comune di Montecatini Terme ha acquistato per circa 3,5 M Euro, la sola Palazzina Regia e l’annesso piccolo parco con il monumento ai caduti, inventandosi la creazione di un Museo,che, per quanto carino, non presenta le caratteristiche di alcunché di risolutorio per lo sviluppo economico della città. Il finanziamento di circa 5,5 M Euro per questo progetto è arrivato dal CIPE. Certo è più facile mettere in piedi un piccolo museo di campagna che risolvere il problema delle Terme.

Si è gridato che la “Legge Madia” impedisce al Comune di Montecatini di investire nelle Terme. Non è vero, perché tale legge prevede che i Comuni possano investire in Società e beni che hanno lo scopo di mantenere e sviluppare l’identità storico culturale del contesto e che siano in grado di generare un livello notevole di sviluppo economico.

A noi sembra che per Montecatini il Comprensorio termale non risponde a questi requisiti.

A noi continua a sembra anche che l’Amministrazione Comunale abbia il dovere assoluto nei confronti della cittadinanza di gestire la situazione Terme fino ad un punto d’arrivo che garantisca un’evoluzione, eventualmente anche verso la privatizzazione totale o parziale, sulla base di un piano di valorizzazione e non snaturamento dell’identità di Montecatini.

Lo stato attuale dell’arte porta verso la svendita a privati del cuore di Montecatini Terme senza alcun piano o visione futura per la città.

Movimento 5 Stelle Montecatini Terme

Share Button
Pubblicato in Montecatini

INVITO ALL’EVENTO DEL 25 MAGGIO. INFORMAZIONI SUI BANDI EUROPEI PER LE PICCOLE IMPRESE.

2336127_img_20170323_wa0011Giovedì prossimo 25 maggio alla biblioteca comunale di Monsummano Terme in piazza IV Novembre, nella sala Walter Iozzelli si terrà un incontro con gli eurodeputati del Movimento 5 Stelle Laura Agea e Dario Tamburrano, riguardo ai bandi europei per le piccole e medie imprese.

Il tema trattato sarà come partecipare ai bandi, facendo richiesta per attingere ai fondi gestiti direttamente da Bruxelles, per i propri progetti di start up e di sviluppo.

L’evento è organizzato dai Meetup del M5S di Pieve a Nievole e di Monsummano Terme. Partecipa anche il consigliere regionale Gabriele Bianchi. La partecipazione è libera con inizio alle ore 21.

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

Approvato il Quorum Zero: M5S esprime soddisfazione.

18447319_375616072834453_6258759288099795014_nIl M5S Montecatini Terme esprime la propria soddisfazione per l’approvazione, in Commissione Statuto e Regolamenti, della proposta di inserire nel regolamento per la partecipazione dei cittadini, il Referendum Comunale  propositivo con Quorum ZERO. Una rivoluzione culturale, da sempre sostenuta dal Movimento, che pone Montecatini T. tra le città all’avanguardia sulla Democrazia Partecipata. Ringraziamo i Consiglieri Morini e Rosellini per aver fin da subito condiviso questa idea e per essersi impegnati a convincere la propria parte, lavoro non facile, visto che anche nell’ultima seduta della commissione qualcuno esprimeva posizioni contrarie. un ringraziamento anche agli uffici per il grande lavoro svolto. Adesso attendiamo la stesura del testo definitivo, auspicando di arrivare in tempi rapidissimi al voto in Consiglio Comunale. Il Regolamento della Partecipazione che verrà adottato dal Comune di Montecatini è ampio e fornisce ai cittadini molti strumenti di partecipazione che saremo lieti di sostenere ed incentivare non appena approvati – M5S Montecatini T.”

Share Button
Pubblicato in Montecatini

Verso il Quorum 0: M5S Montecatini spinge sull’acceleratore.

QUORUM-ZEROReferendum Comunale: per la prima volta in città il Movimento 5 Stelle di Montecatini Terme ha portato avanti un esperimento di democrazia diretta chiedendo direttamente ai cittadini un opionione sul Quorum 0 per il Referendum Comunale.

La volontà dei votanti risulta in linea con quanto promosso e coordinato dal Movimento 5 Stelle in commissione Statuto e Regolamenti e cioè con la variazione al Regolamento Comunale che azzeri la soglia per rendere valida una valutazione referendaria comunale; forti di questo fatto e alla luce delle dichiarazione fatte a mezzo stampa dalla Maggioranza (nonostante la forte reticenza, da parte di alcuni consiglieri del Pd e del consigliere Silvia Motroni, a dare voce ai cittadini dopo le elezioni, adducendo motivazioni legate al loro prioritario diritto di governare), Cristiano Berti (portavoce M5S in consiglio comunale) cercherà di far approvare tale variazione già durante la prossima riunione della Commissione Statuto e Regolamenti, che si terrà giovedì 11 Maggio alle ore 11:30.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Montecatini

Proiezione del Documento D’Inchiesta sulla Sanità Toscana: Sabato 29 Aprile a Monsummano Terme

ffI Meetup del Movimento 5 Stelle di Pieve a Nievole e Monsummano Terme invitano tutti alla visione del film documentario “Mani sulla Sanità: la Rivolta”, sabato 29 aprile alle ore 16 in piazza Martini 10, nella sala Walter Iozzelli della biblioteca “Giuseppe Giusti” di Monsummano Terme. Si tratta di un’approfondita inchiesta sul “nuovo modello” di sanità, oramai imposto in varie regioni d’Italia.

Alla proiezione seguirà un dibattito con la presenza dell’autore, il regista Giuliano Bugani, e la partecipazione del consigliere regionale Andrea Quartini, portavoce del Movimento 5 Stelle, membro della terza commissione del consiglio regionale, ossia quella che si occupa di tutela della salute.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Monsummano