M5S Buggiano: TARI, tariffa aumentata ecco perché!

logoalia_colore-1Ormai lo hanno capito anche i sassi: la politica in molti casi non sembra al servizio dei cittadini, ma esattamente il contrario.

Arrivano le nuove bollette della TARI aumentate e come al solito la cittadinanza non ne conosce le motivazioni, si arrabbia e in molti hanno contattato il consigliere del Movimento 5 Stelle, Simone Giovannini per avere spiegazioni.
Le cause arrivano da lontano. Qualche anno fa nelle segrete stanze di ATO (Ambito Territoriale Ottimale), organismo sovracomunale che comprende i comuni di Firenze, Prato e Pistoia, venne deciso di affidare il futuro servizio di raccolta porta a porta ad ALIA, una società nata dall’unione dei precedenti gestori (CIS per Buggiano).
In quella sede però, alla presenza di tutti i sindaci, furono decise anche le tariffe da applicare ai contribuenti. Secondo il il parere del M5S con un criterio assai bizzarro: oltre al costo del servizio più oneroso, ovvio, concorrono alla bolletta le spese di ammortamento dei nuovi materiali necessari, meno ovvio, e le spese per la recessione dei contratti in essere dell’inceneritore Selva Piana. Pazzesco!

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Buggiano

La lotta contro la mafia tra politica e indifferenza

nino-di-matteo1Si è conclusa con una bocciatura la proposta per il conferimento della cittadinanza onoraria al magistrato Antonino Di Matteo presentata dal Movimento 5 Stelle e da “Monsummano Terme Bene Comune” nel Consiglio comunale svoltosi il 15 Maggio scorso.

Fumata nera dunque per quel riconoscimento che i consiglieri d’opposizione avevano chiesto di conferire a favore di colui che in questi ultimi anni rappresenta il simbolo più noto della lotta contro la mafia come anche la recente sentenza sulla cosiddetta “Trattativa Stato-Mafia” ha confermato. Questa è la dimostrazione di quanto concretamente vengano considerati alcuni valori fondamentali che non dovrebbero essere in alcun modo condizionati da simpatie o interessi personali o di partito pur declinandoli nelle varie sensibilità.

Segnali divergenti si erano già registrati negli incontri avvenuti prima del consiglio tra i vari Capigruppo. Il Partito Democratico aveva addirittura ritenuto, per il tramite del suo segretario nonché Presidente del Consiglio, di discuterlo in fondo alla lista dei punti all’ordine del giorno nella mal celata speranza che ci fossero meno persone possibili a seguire la seduta consiliare. Ma nonostante ciò il Consiglio comunale si è acceso proprio al momento della discussione della suddetta proposta che è stata avviata con le dichiarazioni dei proponenti sulle motivazioni oggettive della loro richiesta che però non sono state colte dai consiglieri di maggioranza.

In verità la motivazione di questa bocciatura è emersa con l’intervento del Sindaco Rinaldo Vanni dove sono stati criticati alcuni aspetti che a suo avviso indicavano un obiettivo meramente politico smascherando così il suo disagio in quanto la proposta era giunta dall’opposizione e in particolare dal Movimento 5 Stelle. Il resto della maggioranza ha così insistito con il voler rimandare e modificare il conferimento della cittadinanza onoraria ad un’istituzione anziché alla singola persona dando motivazioni generiche e fumose.

Tutto questo ovviamente non solo in contrastato con le dichiarate priorità della solidarietà a magistrati del calibro di Di Matteo ma anche con quanto avvenuto finora nei numerosi Comuni che hanno già deliberato la stessa proposta e che, soprattutto, erano in quel momento governati dal PD. Come se non bastasse si è assistito al nervoso tentativo del Presidente del Consiglio di bloccare la replica del consigliere Cioni mostrando ancora una volta la sua nota faziosità.

A questo punto, come ha sintetizzato il consigliere Conti alla fine del dibattito, non si può che prendere atto della linea scelta dalla maggioranza del Consiglio la quale vota all’unanimità di respingere il conferimento della cittadinanza lasciando un’amara delusione a coloro che ci hanno creduto e che hanno visto sprecare un’occasione di vicinanza umana all’uomo Di Matteo e un messaggio politico e culturale contro alla comunità contro la piaga mafiosa.

Movimento 5 Stelle Monsummano Terme

 

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

Il Movimento 5 Stelle si attiva a Chiesina Uzzanese

Meetup ChiesinaDobbiamo rilanciare l’idea di una politica partecipata dove il cittadino è messo in primo piano a partecipare sempre più attivamente alle decisioni prese all’interno delle istituzioni. Chiesina Uzzanese è una cittadina che sta morendo sotto tutti gli aspetti (sociale, economico,urbanistico): un paese dove esistono problematiche importanti, prime su tutte “la sicurezza e il degrado ambientale”. Proprio per questo sul territorio si sono attivati referenti del M5S che da diverso tempo si sono interessati a queste problematiche provando a elaborare soluzioni per una migliore qualità della vita.

Sotto il profilo urbanistico vi sono numerosi luoghi ed edifici lasciati completamente al degrado che andrebbero inseriti in un progetto di riqualificazione del nostro territorio: a tal fine dovremmo indirizzarci verso politiche di ecosostenibilità, dalla manutenzione ordinaria allo sviluppo di energie rinnovabili. Serve un’inversione di marcia radicale per rendere Chiesina Uzzanese un paese più sicuro, più vivibile, più a misura d’uomo.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Valdinievole

Che Botta!

Schermata 2018-02-26 alle 12.44.10

CHE BOTTA!

M5S Pieve a Nievole

Aumento medio del 20% della tariffa dei rifiuti (TARI). Questa la sorpresa che l’amministrazione comunale ha riservato ai pievarini per il 2018. Porta a porta o… porta a portafoglio? Un aumento enorme visto che si parla di una tariffa comunale che ogni cittadino è obbligato a pagare, che graverà pesantemente sulle famiglie e sulle attività commerciali in un momento economico non floridissimo.

Da destra a sinistra si promettono abbassamenti di tasse ma la realtà è questa; a Pieve a Nievole le tasse aumenteranno addirittura del 20%! Purtroppo non è finita qui. Tale aumento verrà caricato sulle tariffe a fronte di un servizio che rimarrà lo stesso per quasi tutto il 2018. Infatti la raccolta avverrà col solito metodo a cassonetti eseguito dalla stessa Società, la Ecologia & Servizi.

Quindi questo aumento a cosa è dovuto? Da marzo la titolarità del servizio di raccolta rifiuti passerà alla Alia Servizi Ambientali Spa, società incaricata da ATO Centro. La responsabilità della gestione dei rifiuti passerà dai Comuni a un organo, l’ATO Centro, che coprirà le province di Pistoia, Prato e Firenze (zona detta “area vasta”).

Il “sistema ATO” è già in vigore per le province di Arezzo, Grosseto e Siena (ATO Sud) e già si è rivelato penalizzante per i piccoli Comuni, che lamentano continui disservizi e problemi anche gravi. Il nuovo gestore ha previsto per Pieve a Nievole una raccolta rifiuti “porta a porta”, che però non inizierà da marzo ma da un indefinito “fine anno” (ottobre? novembre? non si sa).

Quindi perché pagare molto di più un servizio che per tutto il 2018 sarà il solito? Questo non è dato sapere; gli uffici comunali non sanno dare una risposta certa, solo ipotesi. Visto che la TARI sono soldi dei cittadini è possibile sapere come sono spesi? È possibile sapere con precisione il motivo di un aumento del 20% della tariffa da un anno all’altro? Ci è sempre stato propinato che la gestione dei rifiuti su “area vasta” era necessaria per ottimizzare i costi e quindi risparmiare. Ad oggi la certezza è un aumento delle tariffe del 20%. Tutto il resto è incerto e sconosciuto.

Dopo le vicende del raddoppio ferroviario, ancora in corso, anche quelle relative alla gestione dei rifiuti convincono sempre di più di una Sindaca che non agisce nell’interesse dei cittadini ma ligia ad “ordini superiori”, inadeguata al ruolo.


Il Movimento 5 Stelle invita a partecipare al Consiglio Comunale che si svolgerà all’Auser di via Bonamici mercoledì 28 Febbraio alle ore 20,30. La Sindaca non si potrà esimere dal dare risposte convincenti sull’enorme aumento del 20% della tariffa sui rifiuti.

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

Via delle Cantarelle ha bisogno di una risistemata

com stampa via Cantarelle

MOVIMENTO 5 STELLE PIEVE A NIEVOLE

RACCOLTA FIRME PER VIA CANTARELLE

Molti cittadini, supportati dai consiglieri del Movimento 5 Stelle di Pieve a Nievole, hanno consegnato in Comune la richiesta di un consiglio comunale aperto sui problemi di traffico e di sicurezza che affliggono la zona di via delle Cantarelle e di via Papa Giovanni XXIII.

Primo fra tutti la viabilità: via Cantarelle ha una carreggiata dimensionata alle esigenze di chi ci abita ma negli ultimi anni il passaggio di camion è diventato sproporzionato, quasi incredibile. A tratti pare di essere in autostrada; centinaia di mezzi percorrono ogni giorno la strada a velocità sostenuta, con grave pregiudizio della sicurezza. Gli incidenti si susseguono con spaventosa regolarità.

Parcheggi, cassonetti, marciapiedi, segnaletica, ripensamento della viabilità. Questi gli argomenti puntuali sui quali i cittadini chiedono di poter esporre i loro suggerimenti dopo che in un recente consiglio comunale la sindaca aveva detto che secondo i tecnici comunali “non c’è modo di intervenire” fuorché con “macchinette di ultima generazione” che fanno la multa. Una affermazione che è parsa poco convincente e quasi una minaccia ai residenti.

Una nota è riservata anche agli extracomunitari residenti in via Cantarelle; vengono abbandonati a sé stessi per la maggior parte del tempo e dichiarano di non essere seguiti dalle associazioni, che dovrebbero “inserirli”.

Nella foto i lavori in corso alla fine di via delle Cantarelle, per la nuova rotonda.

 

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

M5S Pieve a Nievole – “E io pago! Le Telecamere di sorveglianza: funzionano?”

151289783380301Come ogni cittadino avrà notato la telecamera è uno strumento sempre più richiesto e necessario per i controlli su sicurezza, spargimento di rifiuti, velocità eccessiva e molte altre situazioni in cui può rendersi utile come deterrente verso comportamenti scorretti.

Il Movimento 5 Stelle di Pieve a Nievole ritiene che questo strumento vada gestito in trasparenza. Abbiamo quindi rivolto, il 18 dicembre scorso, una richiesta per essere informati su vari punti. Tra questi, specificatamente, abbiamo chiesto “il resoconto dei guasti e malfunzionamenti” e non ci è stato fornito.

Nuovamente siamo preda degli uffici comunali e in questo caso particolare del responsabile dell’Ufficio Tecnico Manutentivo, riguardo alla niostra richiesta di informazioni, fatta a dicembre, sulle telecamere presenti sul territorio comunale, il loro utilizzo e i costi.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Pieve a Nievole

RISPETTO PER LE OPPOSIZIONI

hqdefaultSperando di dover intervenire pubblicamente per l’ultima volta sulla questione dei lavori di ampliamento della Grotta Giusti, vogliamo spiegare, ancora, al presidente del Consiglio Comunale, nonché segretario del Pd monsummanese, Roviezzo, che i tempi ed i modi su come “fare opposizione”, il Movimento 5 Stelle li decide autonomamente e senza i suoi non richiesti suggerimenti.

Ci dispiace dover ancora constatare che, forse a causa del doppio incarico rivestito, lo stesso appaia così distratto e non abbia seguito attentamente quello che è stato detto, dai nostri portavoce, in Consiglio. Se avesse ascoltato avrebbe certamente capito che siamo a favore dell’ampliamento dello stabilimento termale e della costruzione dell’adiacente area multifunzionale. Restiamo invece molto critici sul modo e sul progetto attraverso il quale questa verrà realizzato.

Il Consigliere Natali, come già successo in altre occasioni, ha semplicemente messo in evidenza il fatto che detta area, realizzata come da progetto, ha costi di costruzione e di gestione eccessivi che potrebbero essere ridimensionati. Ed ha suggerito possibili migliorie. Perché non accogliere suggerimenti di buonsenso se questi vanno a favore di tutta la comunità? Stiamo parlando di soldi pubblici che, se risparmiati, possono essere impiegati in altre criticità di Monsummano.

Questi continui tentativi di mistificazione della verità da parte di esponenti della “relativa” maggioranza, che tra l’altro dovrebbero quantomeno “apparire” imparziali, visto il ruolo che ricoprono, ci appaiono sempre più come vani escamotage finalizzati a mettersi in mostra e risplendere di luce riflessa. A nostro avviso la Politica, quella con la P maiuscola, ed i cittadini di Monsummano, meritano altro.

Movimento 5 Stelle Monsummano Terme

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

PIEVE A NIEVOLE: ATTACCHI PERSONALI E FALSITA’ CONTRO IL NOSTRO PORTAVOCE, IL CONSIGLIERE COMUNALE PIETRO DEZIO

blaNelle ultime settimane si è intensificata la diffusione di falsità nei confronti di uno dei consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Pieve a Nievole, Pietro Dezio, da parte di un preciso gruppo di persone, collegate alla Onlus Comitato Rione Empolese.

Da anni alcuni membri e correlati di questa associazione, che ha in gestione diversi verdi pubblici e la “casetta” inclusa nel verde di via Cantarelle, continuano sia di persona che via Facebook a diffondere chiacchiere anche pesanti e offensive; e affermazioni perlopiù risibili, volte a portare discredito alla persona di Dezio e al Movimento.

Qualunque occasione è buona per parlare male; ad esempio durante le feste natalizie ad alcuni partecipanti alle tombole, per giustificare il costo della tessera associativa, è stato detto che veniva richiesto per evitare che il capogruppo 5 stelle Dezio segnalasse la mancanza di tesseramento. Occorre allora una riflessione; l’irregolarità finora era stata ignorata e i controlli svolti dal Movimento sono assai utili per la comunità! La normativa che regolamenta tombole e lotterie è entrata in vigore fin dall’aprile 2002 e le regole sono molto precise; è giusto conoscerle e attenercisi non solo per i privati ma anche quando a fare la tombola è una onlus o un partito politico!

Durante l’estate, dopo i sopralluoghi che il M5S ha effettuato in tutte le strutture comunali affidate in convenzione, tale Comitato è stato tra i pochi che si sono rifiutati di collaborare, ignorando le rilevazioni del M5S e lamentandosi che Dezio si fosse accanito contro tale Onlus.

Eppure la veridicità dei rilievi è stata confermata sia dagli uffici comunali predisposti che da alcune sanzioni, anche recenti, per non aver ottemperato a vari obblighi di legge. Anche le sanzioni sono “colpa del Movimento”?

Ora, premesso che tale atteggiamento sia così “tipico italiano” (purtroppo), proprio per questo siamo fieri di avere dato avvio anche nel nostro comune all’abitudine ad eseguire controlli, a fare esposti, a costringere uffici e assessori a lavorare con maggiore attenzione al bene comune, in quei casi in cui avvengono “distrazioni” di vario tipo.

Controlli, esposti, sanzioni, attenzione al bene comune che il Movimento continuerà a promuovere senza farsi intimorire dall’arroganza di nessuno.

Siamo a disposizione di ogni cittadino che desideri segnalare casi di mala gestione pubblica. Potete contattarci con un sms al 335 5494848 e sarete richiamati.

Ancora di più siamo aperti a chi voglia attivarsi e partecipare… in modo democratico ma intransigente!

 

Share Button
Pubblicato in Pieve a Nievole

Interessi personali e faziosità politica

conad1I comunicati, usciti all’unisono, della titolare del supermercato, che ha tutto da guadagnare dal nuovo piano urbanistico del Cintolese, e del PD locale, dimostrano una volta di più che quanto abbiamo espresso, come opposizioni, ha toccato un nervo scoperto.

Nessuna replica si è rilevata alla validità della sempre proposta diversa collocazione del centro commerciale stesso: non in centro del paese ma lungo la variante del Fossetto. Unica motivazione sempre avanzata nei dibattiti politici è stata che se non si operava in un modo concordato con il privato non ci sarabbero stati i fondi per la realizzazione di “Cintolese Nova”.

È bene però subito chiarire che non si sta parlando di “ristrutturazione” di un supermercato ma di un grande ampliamento fino a 3500 mq di superficie di vendita. E un’operazione di questo genere, attuata nel centro della frazione rischia di portare alla totale distruzione del piccolo e medio commercio con conseguente deprezzamento delle attività e dei fondi commerciali esistenti. È importante inoltre evidenziare come i fondi economici messi a disposizione dalla permuta dei terreni, compreso il campo sportivo Berti, non siano più sufficienti per la realizzazione del nuovo campo da gioco che inizialmente doveva essere a totale carico della parte privata.

A questo proposito l’amministrazione Vanni ha già inserito a bilancio un mutuo che ricadrà sulle spalle di tutti i monsummanesi. Toccherà poi alla Corte dei Conti stabilire se l’importo concordato ed il valore attribuito ai lavori di urbanizzazione da eseguire, tutto a compensazione della permuta operata, risultino più o meno congrui. Una menzione di biasimo la vogliamo poi rivolgere al segretario comunale del Pd, il quale riveste anche la carica istituzionale di Presidente del Consiglio Comunale. Carica che dovrebbe essere di tutela per l’intero Consiglio e che a questo proposito risulta adeguatamente remunerata. Carica per la quale dimostra invece, nei fatti, di essere del tutto inadeguato!

Cos’è, se non debolezza politica del locale Pd, la necessità di approvare il Piano Attuativo di Cintolese solo in seconda seduta, quando cioè il quorum necessario si è abbassato a soli 6 componenti compreso il Sindaco e lo stesso Presidente? L’incapacità di comprendere una cosa così semplice dovrebbe portarlo a porsi la domanda se sia o meno in grado di ricoprire tale Ruolo Istituzionale. La faziosità con cui opera e le esternazioni pubbliche non si addicono certamente ad una carica super partes. Stia certo che come opposizioni continueremo a fare il nostro dovere, nei tempi e nei modi che riterremo più opportuni. Questo a prescindere da un rimasuglio di maggioranza attaccata alla poltrona che mai, pubblicamente, ha accolto i nostri contributi, se non obbligata dalle norme vigenti, come appunto nel caso delle puntuali e formali osservazioni accolte nell’ultimo Consiglio Comunale in merito a distributore di carburante e standard dei parcheggi in zone a vincolo cimiteriale. Si ricordino lor signori: “Fare” e “Fare bene” non sono la stessa cosa!

Movimento 5 Stelle Monsummano Terme
Monsummano Bene Comune

Share Button
Pubblicato in Senza categoria

Mafia e Terrorismo: parliamone con gli Esperti. Incontro sabato 25 Novembre (ore 21:00) a Montecatini Terme.

23472781_841859335986368_2243385571495972987_nSabato 25 novembre alle ore 21.00 presso l’hotel Ambrosiano a Montecatini il Movimento 5 Stelle propone un incontro di approfondimento sul tema “Mafia e Terrorismo”.

L’idea di organizzare questa serata nasce dalla volontà di suscitare interesse e informare la cittadinanza su questo fenomeno spesso ritenuto lontano dalla propria realtà; un’occasione di riflessione e di confronto per tutti.

Nella prima parte della serata verrà trattato l’argomento terrorismo con la presentazione del libro “CIC, l’ultima missione” con l’autore, Giuseppe Nicolò. Il libro racconta una storia d’amore che si sviluppa in parallelo ad una trama drammatica,in una strana equazione di amore intensissimo ed attentati. L’autore, quando dieci anni fa iniziò a scrivere il romanzo in una sorta di premonizione, già parla di un francese di seconda generazione di origine siriana, che compie una strage all’interno di un moderno teatro di Parigi. Così come di una centrale nucleare evacuata in Belgio.

Leggi altro ›

Share Button
Pubblicato in Valdinievole